MPC589.com
Lunardinu e li "Misteri" de L'universo

 

by Paolo Casali

 

Li Bbuchi Neri


 

 

Dice bbene ‘lla canzone... Giranno pe’ Tterni... se qquante ne vidi ... però se ssai ascorta’...
ne impari pure tante! E’ dda ‘n bo’ de tembu che li zzicchi de la monnezza so’ ssempre pieni zzippi... e tuttu ‘ntornu ce stanno li sacchitti de plastica tutti sgarrati co’ la robbaccia sparpajata per terra.
So’ li gatti che stanno a ’rcapezza’ da magna’! Un gruppittu de ggente stea a ddiscute llì vvicinu...
se ccome potea èsse. Chi ddicéa che li scupini... o mejo l’operatori ‘cologgici... non riuscivono a ppassa’ pe’ le troppe macchine ferme… chi ddicéa che non se fa ‘n tembu a svota’ li bbidoni che ggià so’ ppieni de novu… chi ddicéa che li rifiuti non sapemo più ‘n do’ buttalli e allora se lasciono llì. Unu co’ ‘n’aria d’astronommicu ha fattu... Qui ce vojono li bbuchi neri! So’ ‘ntervinutu io e j’ho dittu... Scì... cucì la bbuttamo llà ddentro ch’è ttuttu scuru e non vedemo più ‘n do’ va a ffini’... e ppo’ èsse che cce la scambiamo tra dde noi!... Da come m’ha guardatu… ho ccapitu d’ave’ ddittu ‘na fregnaccia. M’ha spiegatu che... li bbuchi neri... so’ stelle che ‘n ce stanno più e... sso’ sparpajate pe’ ll’universu. Va bbe’, me potete di’, che cce so’ montoni de monnezza... ma p’arriva’ llassù... ce vòle!? Dovete sape’ che ‘lli buchi se ‘nghiottono tuttu quillu che je capita e non se embono mai, però... tocca ‘rtrovalli perchè non se vedono! Cerco da spiegamme mejo. Se llancio ‘nu scoju per aria m’arcasca su la capoccia... se lu lancio più fforte arcasca su la capoccia a quarche andru... perchè ce sta la Terra che lu riattrae... ma se lu lancio forte come Nembo Kidde... lu posso manna’ ‘n orbita! Se mme sposto su Giove... ch’è ppiù ggrossu de la Terra devo lanciallu come ddu’ Nembo Kidde e mmezzu. Cucì più li pianeti o li soli attirono le cose... più pe’ usci’ fòri da essi devi anna’ veloce! ‘Mbe’... dice che cce sta quarche corpu celeste... dove pe’ usci’ fòri non bastono li chilometri de la luce che sso’ quasi trecentomila a lu secondu. E allora neanche essa riesce a scappa’! Mo’ è cchiaru che senza luce... ‘n se vede gnente... cucì ‘llu bucu lu chiamamo... neru! P’artrovallu sarà ‘n probblema! Tocca sinti’ se ttira da che pparte come ‘n pesce ch’à ‘bboccatu e no’ lu vidi. Stemo attentu... che sse ‘ncuminciamo a llancia’ li bbidoni de monnezza per aria... de ‘na cosa semo sicuri! Che sse non azzeccamo dentru a ‘llu bucu neru... ce n’accorgemo senz’andru! Allora sintirai che ppiogge acide e cche sparpajamentu... andru che li gatti!... Quali gatti!?... Ah... no’ li vidi?... Speramo che non si ssuperstizziosu... perchè quasi sicuramente allora... so’ nneri!

 


Ascolta dalla voce dell'autore
Fase Lunare di oggi
La Luna oggi


Tempo Siderale Locale:




  Andre Vite
  Aria e Inquinamentu
  Asteroidi
  Astrofili
  Banghe e Cranche
  Celu che rrota
  Eclisse de sole
  Eistainne e la relativita
  Equinozzi e sostizzi
  Fine de lu monnu
  Forza Inerzia
  Foto Stronommiche
  Galilei e la teoria
  L’oroscopata
  La meridiana dell'Itisse
  La miridiana e l'orologgio
  La gravidazione niversale
  La miridiana
  La prima legge de kepleru
  La seconda e la terza
  La vorda celeste
  L'aleboppe
  Le costellazioni
  Le fasi lunari
  Le macchie solari
  Le Stelle
  Le Stelle cadenti
  Le stelle comete
  Li neutrini
  Li buchi neri
  Li fusi orari
  Lo sole nostru
  Lo sproverbia' co' lu tempu s'attacca
  L'osservatoriu
  Lu piccu de le Leonidi
  Lu Star Party
  Lu bene niversale
  Lu bigghe banghe
  Lu calendariu
  Lu Parallasse
  Lu pendulu de focolle
  Lu planetariu
  Lu strofilu
  Lu stronumu e lu strolugu
  Lu telescopiu
  Lu zodiaco
  Lujo 1969
  Mo ve ne dico quattro
  Nove e Supernove
  Orbite Ellittiche
  Pasqua arda e bassa
  Santu Rasimu de Cesi
  Sò ccarri o...sò Orse?
  Tuttu rilativu
  Via Lattea
 © 1620-2012 mpc589.com - All rights reserved